"EL CANTON DEL SCIOR DA COL"
I puj d'ona volta

Ogni tant a senti a tirà a man de on quajvun
de come even bòn ona vòlta i puj.
Al sarà ma hin ball bòn de fà buj,
che ja mangeven even in pòcch o nissun.
L'eva ròbba de sciori o de quej che podeven.
Gh'eva tanta miseria, la famm l'eva nera.
I inverni even frecc gh'eva nev e scighera.
Sa mangeva la polta anca ‘l dì de San Steven!
Cuntemela giusta e femm nò i de−puu,
sevom in tanti coj pezz taccaa al cuu.
La vita l'eva dura e even pòcch i dan−dan.
Per quest mi a disi che hin mej quej del dì d'incoeu.
Sarann scarlinghent, sarann nò nostran,
ma hin semper mej de scigoll e faseou.
I polli di una volta

Ogni tanto sento ricordare da qualcuno
di come erano buoni i polli di una volta.
Sarà ma le "palle" sono buone a "farle bollire",
che li mangiavano erano in pochi o nessuno.
Era roba da ricchi o di quelli che se lo potevano permettere.
C'era tanta miseria, la fame era nera.
Gli inverni erano freddi c'era neve e nebbia.
Si mangiava "pasticcio di mais"anche il giorno di S.Stefano.
Raccontiamola giusta, non facciamo gli sbruffoni.
La vita era dura e c'erano pochi soldi.
Eravamo in tanti con le pezze sulle brache.
Per questo io dico che sono migliori quelli di oggigiorno.
Saranno scivolosi, non saranno nostrani,
ma sono sempre meglio di cipolle e fagioli