Sedici anni fa il servo di Dio mons. Luigi Giussani lasciava questo mondo per tornare tra le braccia del Padre e oggi farne memoria è essergli grato per ciò che ha iniziato in me: e' lui che mi ha fatto scoprire la bellezza dell'esperienza cristiana, è lui che ha acceso in me la domanda di senso e me ne ha fatto prendere coscienza, è lui che mi ha fatto scoprire la vocazione all'insegnamento e mi ha accompagnato a viverla dando la vita per chi Dio mi ha affidato e mi affida, è lui che mi ha sostenuto con la sua paternità nei momenti più difficili della mia esistenza, è lui che oggi continua ad essermi presente con la sua prossimità attenta e premurosa. Oggi grazie a lui vivo questa avventura umana che mai avrei immaginato e sono grato a don Julian Carron perché in questi anni mi ha fatto riconoscere ciò che era già presente ma che io avevo un po' coperto sotto un'adesione talvolta riduttiva, che il carisma è una persona vivente che continua con tutte le persone che lo testimoniano, prima di tutte Carron. Questi anni da quando lui se ne è andato sono stati di una ricchezza impressionante, sono stati anni in cui sono stato aiutato a scoprire che ciò che era iniziato tanti anni fa continua con la stessa forza attrattiva seppur in modalità diverse, è oggi esperienza che il carisma è una persona che mi fa vedere ciò che Dio fa accadere di bello oggi nella mia vita